LA RISTORAZIONE ITALIANA VS CUCINA FRANCESE

Cucina italiana vs cucina francese: perché sono uguali e in cosa si differenziano?

La cucina italiana e quella francese rappresentano due stili differenti ma che per molti tratti si sfiorano, e sono diventate ben presto nel mondo, due tipi di ristorazione culinaria molto apprezzati, studiati e imitati.

La tradizione culinaria nazionale dell’Italia e della Francia, infatti, in un certo senso sono simili, per ingredienti e prodotti del territorio, e grazie all’autenticità dei cibi prodotti sono tra le più popolari al mondo. Tuttavia, sono le cucine che rappresentano due culture dominanti con un forte carattere distintivo in Europa.

Qual è la differenza tra cucina italiana e francese?

Cerchiamo di esplorare le differenze tra “l’Italia calda e mediterranea” e “la Francia regale e raffinata”.

L’Italia e il suo stile mediterraneo

In Italia non è possibile ordinare semplicemente “la pizza”. Devi specificare che tipo di pizza italiana desideri: napoletana, romana, siciliana, palermitana, 4 formaggi, capricciosa, bianca, wurstel e patate ecc. Tutti i nomi sono segni distintivi dell’arte culinaria italiana, ma si differenziano per la preparazione, gli ingredienti utilizzati, i sapori e i sapori. Questa diversità è evidente anche negli altri piatti – ad esempio bistecca alla fiorentina, cotolette alla milanese, il cardone di Benevento, la pasta cacio e pepe romana, il panino napoletano, le tagliatelle alla bolognese e l’elenco potrebbe proseguire all’infinito.

La parte meridionale dell’Italia è conosciuta per le specialità e i piatti di pesce: gamberetti, granchi, aragoste, seppia, calamari, polpi, cozze, ecc. Sono serviti con verdure, prodotti pastosi o impanati e salse. I piatti di pesce sono numerosi – bolliti, fritti, arrostiti. Qui, i pomodori sono usati molto e quasi tutto è preparato con pomodori, che sono presenti in oltre il 70% delle ricette per zuppe, pizze, pasta, casseruola, piatti a base di carne.

Per la cucina del nord Italia, vengono utilizzati molto riso, piselli, mais, zucchine e asparagi. Il piatto culinario distintivo di questi territori è il risotto, che viene servito come primo piatto, contorno, con la carne e tantissimi altri modi.

La Francia e la sua arte culinaria

I francesi sono fieri di essere tra i legislatori nell’arte culinaria mondiale. Le loro “invenzioni” come la maionese, i soufflé, gli éclair, sono diventate parte delle cucine di tutti i continenti. Dalla Francia, arriva anche la metodologia e l’ordine delle portate: prima l’antipasto, poi la zuppa, seguita dal piatto principale, insalata, carni, formaggio e dessert. Anche le parole utilizzate nel settore culinario in tutto il mondo sono francesi, come menu, salsa, zuppa, antipasto, ecc.

L’arte culinaria francese è popolare per i piatti e le specialità di pesce, carne di pollame, vitello, coniglio, agnello, selvaggina. La carne di maiale è usata relativamente meno. Le uova sono presenti in molte ricette ma anche separate in omelette differenti, come la pizza italiana. Tra le verdure più utilizzate ci sono i piselli, gli asparagi, l’okra e i pomodori. Il formaggio viene offerto con l’insalata, come ingrediente per la preparazione di salse e anche come dessert con frutta: uva, ananas, ecc.

Nella cucina, il francese usa ampiamente l’alcol. Nella preparazione dei piatti a base di carne rossa viene utilizzato vino bianco, mentre per i piatti a base di pesce – vino rosso. Il cognac è ​​usato per il flambé.